Tra gli impegni dell’Unione Campanari Reggiani vi è anche, come da statuto, quello di tutelare il patrimonio artistico-culturale che le torri campanarie della nostra Diocesi custodiscono. La nostra attività, in particolare, non prevede la realizzazione di opere architettoniche o manutenzioni: siamo ben consapevoli della mole di lavoro che restauri di questo tipo richiedono.

Il nostro contributo è di tipo consulenziale e gratuito!

Nel nostro settore abbiamo potuto constatare spesso restauri mal realizzati, con oneri ingiustificati a carico del committente, che compromettono la tradizione del suono manuale e la storia che opere di questo tipo sempre meno spesso conservano. Per evitare questo massacro per la comunità abbiamo costituito, al nostro interno, una commissione di tecnici preposti, le cui valutazioni possono fornire alla Parrocchia un utile spunto di riflessione per i lavori che si necessita intraprendere.

Non è nostro obiettivo vantarci delle nostre capacità e lo è ancor meno accusare per ciò che è stato compiuto in passato. L’intento è quello di cercare di evitare interventi sterili, onerosi e privi di rispetto per un patrimonio che riconosciamo essere unico.

Una curiosità – Di recente abbiamo avviato una serie di rilievi nelle celle campanarie capostipiti della nostra tradizione: il primo risultato concreto è stata

Ricostruzione di un ceppo, in accordo con la tradizione costruttiva storica Reggiana.

Ricostruzione di un ceppo, in accordo con la tradizione costruttiva storica Reggiana.

la definizione di un modello con cui celle, ceppi e ferramenta venivano realizzati dai maestri della tradizione Reggiana: i fonditori Riatti. Erano un’azienda che fino al diciannovesimo secolo ha operato nei nostri territori, con la realizzazione di concerti pregevoli come la Cattedrale della nostra Diocesi. La maestria con cui eseguivano le loro opere costituisce una peculiarità per noi ineguagliata in ambito campanario. Ricostruendo il modello con cui operavano siamo riusciti a riprodurre ex-novo un ceppo di sostegno per campana in perfetta armonia con il contesto storico già esistente. Auspichiamo che questo esempio sia emblema delle nostre intenzioni, a dimostrazione del fatto che un intervento rispettoso delle tradizioni è non solo fattibile, ma anche concretamente alla portata di tutti.

 

 

Per aver maggiori informazioni su questo nostro servizio o per concordare un incontro:

info@campanarireggiani.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: